Associazione Smemoranda

Sulmona

a cura di M.D.
 


Smemoranda Sulmona
Ci riconosceremo sempre fratelli PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

Nel febbraio del 1943, quando si arruolò, Gino Damiani era soltanto uno dei tanti studenti universitari, classe 1922, che viveva con la famiglia, nelle condizioni di provvisoria serenità consentite dalla guerra ancora lontana. Nulla poteva fargli immaginare che, entro poco tempo, sarebbe diventato parte attiva negli eventi che sconvolsero l'Italia, in uno dei momenti più tormentati della sua storia recente. Nel febbraio del

 

Leggi tutto:

http://digilander.libero.it/freetime1836/libri/libri23.htm

 

 
#raccontaMIracconto di Andrea Iannamorelli con Pino Greco PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

Andrea Iannamorelli e Pino Greco, compagni di classe a Sulmona, fin dal liceo, accomunati dal destino di essere dirigenti scolastici, l’uno a Sulmona, l’altro a Brescia, dopo una vita fatta di continua comunione di interessi, ricollegati dai social network, hanno stabilito di raccogliere “storie” che nel tempo, li hanno visti protagonisti.

Leggi tutto...
 
Cgil e SPI cgil : Romolo Liberale poeta, scrittore, sindacalista e politico PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

 

Un incontro coinvolgente, coordinato con partecipazione da Loretta Del Papa, si è tenuto, il 30 ottobre 2014, sulla poliedrica figura di Romolo Liberale, scrittore, poeta, sindacalista e politico, presso l'auditorium della C.G.I.L. dell'Aquila, gremito dei tanti compagni e compagne, amici ed amiche che lo hanno conosciuto e stimato.

Leggi tutto...
 
30 Maggio 2014 PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

30 maggio 2014-Da poco sono passate le dodici e 52 rintocchi di campane “a morto” si librano nell’aria.

Una voce scandisce i nomi delle vittime del bombardamento di 70 anni fa.

Le memorie dei testimoni dell’evento fanno accapponare la pelle. Da oggiuna lapide  ricorda il tagico episodio. Proposta da un comitato cittadino, dopo anni di inutili istanze, ha finalmente trovato spazio. Aderisce alla manifestazione il Comune di Pettorano Sul Gizio, rappresentato dal vice sindaco Dr. Pasquale Franciosa.

La Signora Mariolina Caroselli Di Bartolomeo e il Sig. Raffaele Bonitatibus, testimoni  della tragedia, fanno scendere il drappo tricolore e per molti passa un brivido di commozione. Molti, fra i presenti, hanno un parente da ricordare o una memoria, ormai sbiadita ma mai rimossa, legata a quei fatti.

È il caso del Sig. Enrico La Civita, che, durante la commemorazione nell’aula consiliare ha spontaneamente chiesto di narrare i suoi ricordi, finendo sopraffatto dalla commozione

La storia di Piazza Garibaldi è ricca di memorie sacre e profane; forse era giusto che vi trovasse spazio anche la memoria dell‘assurdità e della stupidità della guerra.

                                                                                                                                                        

Leggi tutto...
 
SULMONA RICORDA - 1944 GIUGNO 2014 PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

La dolcezza del silenzio e della solitudine

Non c’è la fanfara, non ci sono bandiere, non ci sono retori. Solo pochi miseri fiori per ricordare. Gli amici del Club dei Settanta, dopo un ciclo di conferenze e giornate di riflessione, si sono recati al cimitero a rendere omaggio alle vittime della guerra e ai Caduti della Brigata Maiella. Un modo come un altro per ringraziare quei banditi che lottarono e si immolarono per la Libertà. Intanto, altrove le guerre continuano.

Leggi tutto...
 
30 Maggio '44 PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona
 
1944 - 30 Maggio PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

Leggi tutto...
 
GARIBALDINI - SABATINO DI NELLO alias PIETRO SILVESTRI da PACENTRO PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

LEGGI TUTTO IL DOCUMENTO Clicca qui

 
PESCARA, 27 gennaio 2014 - GIORNATA della MEMORIA PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

 

Medaglia d’Onore a Sante Di Curzio

 

Il giorno 27 gennaio 2014 nella Prefettura di Pescara è stata celebrata la “Giornata della Memoria”. All’invito del Prefetto Dott. Vincenzo D’Antuono hanno aderito le maggiori Autorità politiche e militari della Regione e della città e tanti semplici cittadini, che hanno gremito la sala delle riunioni.
Toccanti le parole del Prefetto nel ricordare la tragedia della Shoah, sofferenze vissute anche da militari italiani, (circa seicentomila) catturati dai tedeschi e considerati “internati”, quindi privi dello status di “prigionieri di guerra”.
Nel corso della cerimonia, intervallata dalla lettura di brani della Shoah da parte di una giovane attrice e da alcuni studenti, sono state consegnate le “Medaglie d’Onore” alla memoria di tre cittadini coinvolti, loro malgrado, in questa immane tragedia. Uno dei destinatari della decorazione è stato Sante Di Curzio, nativo di Tocco Da Casauria (PE) e ivi deceduto il 28 gennaio 2010.
Durante ilconflitto mondiale Sante era in forza al 17° Reggimento Fanteria Divisione “Acqui”, schierata nell’isola di Cefalonia; dopo la dichiarazione dell’armistizio dell’8 settembre 1943 partecipò in prima linea alla dura lotta contro le preponderanti forze tedesche, che causò la perdita di migliaia di soldati italiani. Riuscito a salvarsi, fu però catturato ed internato in un campo di lavoro.

Leggi tutto...
 
GIORNATA DELLA MEMORIA 2014 PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

Altri due pacchi con teste di maiale all'ambasciata e a mostra su ebraismo
Pacifici: gesto infame. Imbrattata con scritte antisemite la sede del Municipio III

 

 

Dopo il pacco recapitato in Sinagoga, ancora provocazioni contro la comunità ebraica a pochi giorni dalla celebrazione della Giornata della Memoria. Altri due plichi, anche questi con all'interno delle teste di maiale, sono stati recapitati al museo di piazza Sant'Egidio dove è in corso una mostra sulla cultura ebraica, e all'ambasciata d'Israele ai Parioli. Quest'ultima è stata però intercettata dagli agenti prima che arrivasse a destinazione.
. . .
Le scritte sui muri recitano "Olocausto menzogna", "Hanna (con l'inserimento errato della h iniziale, ndr) Frank bugiardona" e "Olocausto menzogna mondiale". Scritte, queste ultime, accompagnate da una svastica.

«Se i titoli dei giornali fossero affidati sempre a quelle decine di migliaia di giovani che soprattutto in queste settimane, e grazie a meritevoli insegnanti, sono mobilitati in ogni angolo del Paese per onorare il 27 Gennaio, Giorno della Memoria, con tante iniziative che aprono il cuore alla speranza, allora avremmo vinto. Per questo dobbiamo avere la forza e il coraggio di ignorare questo gesto infame, di voltare pagina», ha detto il presidente della Comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici.
. . .

Sabato 25 Gennaio 2014

 

 


 

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

 
« InizioPrec.123Succ.Fine »

Pagina 2 di 3

In Memoria

Written on 12 Maggio 2014, 18.55 by Administrator
lultimo-testimone-del-sentiero-della-liberta Ero andato a trovarlo nella sua casa a Bugnara. Mario Colangelo era l’ultimo testimone, insieme a Carlo Azeglio Ciampi, di quelle epiche...
Written on 01 Dicembre 2013, 01.10 by Administrator
romolo-liberale-lultimo-saluto Cercando notizie sulle lotte contadine in Abruzzo ricorreva sempre un nome. Mi procurai una biografia e chiesi ad un comune amico di presentarci. Dopo...
Written on 02 Maggio 2012, 23.17 by Administrator
in-memoria-di-alvaro-iovannitti Si è spento Alvaro Iovannitti in seguito ad una malattia che lo aveva colpito da più di un anno. Avrebbe compiuto in agosto 79...

Multimedia Smemoranda

L'Anno che Verrà

W La Guerra

Calamandrei

Briefing Cefalonia


SMEMO

4 Novembre Roma-Sulmona


2-3-4 Novembre 2013


Premio E. Troilo

MALALBERGO


MONTE SOLE

La Fabbrica degli Angeli


MONTE SOLE

Giuseppe Dossetti

 


La lotta alla criminalità organizzata, nuovo fronte della Resistenza

È con grande rammarico che ci vediamo costretti a intervenire, per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica stordita e assoggettata dall'agenda dei mass media, sulle recenti minacce a don Luigi Ciotti prete coraggioso ed esempio per noi tutti e in particolare per gli aderenti (non è esagerato definirli eroi !) all’associazione Libera”; in particolare quelli che vivono sulla linea del fronte, nei territori ben descritti da Saviano, territori di guerra li ha chiamati recentemente, territori dove, loro, giovani e meno giovani neo resistenti armati solo della propria generosità, del proprio coraggio, e di quel prezioso, quanto dimenticato, ottimismo della volontà, interpretano al meglio i valori della Resistenza mediante la loro azione, paziente, costante, pacifica e tenace. Si potrebbe paragonarlo a un upgrade: della resistenza e in perfetta pertinenza con la RESILIENZA.

Dunque siamo a dichiarare la nostra ammirazione, solidarietà e vicinanza a Don Luigi Ciotti e a tutti gli attivisti di Libera, eroi misconosciuti, cui dichiariamo il nostro affetto fraterno e la nostra disponibilità a intraprendere azioni coordinate perché la vicenda di don Ciotti ci porge l’opportunità per avviare una seria riflessione su quanto ci sta accadendo anchesotto casa nostrasenza che ce ne avvediamo.

 

Per l'ANPI, il neo tesserato, F. Mastrogiuseppe.

Sulmona, 03 IX 2014




Powered by Joomla!.