Associazione Smemoranda

Sulmona

a cura di M.D.
 


#raccontaMIracconto di Andrea Iannamorelli con Pino Greco PDF Stampa E-mail
Smemoranda Sulmona

Andrea Iannamorelli e Pino Greco, compagni di classe a Sulmona, fin dal liceo, accomunati dal destino di essere dirigenti scolastici, l’uno a Sulmona, l’altro a Brescia, dopo una vita fatta di continua comunione di interessi, ricollegati dai social network, hanno stabilito di raccogliere “storie” che nel tempo, li hanno visti protagonisti.

 

Lo scrittore Giovanni D’Alessandro ha voluto curare la prefazione di questa piacevole anfibologia nella quale i due “si” raccontano e, raccontandosi, raccontano anni di questo pezzo d’Abruzzo (da Sulmona a Bussi, a Chieti, a Roma…..).

Si tratta di 19 racconti di Andrea Iannamorelli, (alcuni recenti ed inediti, altri già pubblicati tra il ’76 ed il ’77, scelti dall’autore, perché ancora attuali) cui si aggiungono sei “lettere” di Pino Greco inviate a Iannamorelli via fb.

Gli argomenti riguardano tutti Sulmona e la Valle Peligna e coprono un arco temporale che va dagli anni sessanta ai giorni nostri.

 

Il libro che nasce da una citazione di Gabriel Garcia Marquez (“la vita non è quella che hai vissuto, ma quella che ricordi. E come te la ricordi per poterla raccontare”) è dedicato a Cleto Pòlcina, gallerista, critico d’arte, editore, “un amico che ha avuto tanto dalla vita, ma non il tempo di raccontarla”, originario di Bussi Officina che, dopo il diploma al Liceo Scientifico di Sulmona, si è trasferito a Roma affermandosi nel mondo del mercato dell’arte a livello internazionale, deceduto nel 1993, a soli 46anni. Molti lo ricordano ancora con affetto.

 

La raccolta di racconti è articolata in sezioni: uomini e storie; altri tempi; cronache di provincia; c’erano, una volta; taggando il passato.

Il libro di 208 pagine, edito ad Ortona da Menabò-D’Abruzzo, in vendita nelle migliori librerie abruzzesi a 15,00€, disponibile sul web, è stato letto da Franco Cercone (della deputazione abruzzese di Storia patria) e da Franco Avallone (giornalista) i quali ne commenteranno alcune sezioni. E’ atteso un video messaggio di Paolo Macry (docente di storia contemporanea dell’Università di Napoli), compagno di classe, ai tempi del liceo, degli autori.

 

In Memoria

Written on 12 Maggio 2014, 18.55 by Administrator
lultimo-testimone-del-sentiero-della-liberta Ero andato a trovarlo nella sua casa a Bugnara. Mario Colangelo era l’ultimo testimone, insieme a Carlo Azeglio Ciampi, di quelle epiche...
Written on 01 Dicembre 2013, 01.10 by Administrator
romolo-liberale-lultimo-saluto Cercando notizie sulle lotte contadine in Abruzzo ricorreva sempre un nome. Mi procurai una biografia e chiesi ad un comune amico di presentarci. Dopo...
Written on 02 Maggio 2012, 23.17 by Administrator
in-memoria-di-alvaro-iovannitti Si è spento Alvaro Iovannitti in seguito ad una malattia che lo aveva colpito da più di un anno. Avrebbe compiuto in agosto 79...

Multimedia Smemoranda

L'Anno che Verrà

W La Guerra

Calamandrei

Briefing Cefalonia


SMEMO

4 Novembre Roma-Sulmona


2-3-4 Novembre 2013


Premio E. Troilo

MALALBERGO


MONTE SOLE

La Fabbrica degli Angeli


MONTE SOLE

Giuseppe Dossetti

 


La lotta alla criminalità organizzata, nuovo fronte della Resistenza

È con grande rammarico che ci vediamo costretti a intervenire, per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica stordita e assoggettata dall'agenda dei mass media, sulle recenti minacce a don Luigi Ciotti prete coraggioso ed esempio per noi tutti e in particolare per gli aderenti (non è esagerato definirli eroi !) all’associazione Libera”; in particolare quelli che vivono sulla linea del fronte, nei territori ben descritti da Saviano, territori di guerra li ha chiamati recentemente, territori dove, loro, giovani e meno giovani neo resistenti armati solo della propria generosità, del proprio coraggio, e di quel prezioso, quanto dimenticato, ottimismo della volontà, interpretano al meglio i valori della Resistenza mediante la loro azione, paziente, costante, pacifica e tenace. Si potrebbe paragonarlo a un upgrade: della resistenza e in perfetta pertinenza con la RESILIENZA.

Dunque siamo a dichiarare la nostra ammirazione, solidarietà e vicinanza a Don Luigi Ciotti e a tutti gli attivisti di Libera, eroi misconosciuti, cui dichiariamo il nostro affetto fraterno e la nostra disponibilità a intraprendere azioni coordinate perché la vicenda di don Ciotti ci porge l’opportunità per avviare una seria riflessione su quanto ci sta accadendo anchesotto casa nostrasenza che ce ne avvediamo.

 

Per l'ANPI, il neo tesserato, F. Mastrogiuseppe.

Sulmona, 03 IX 2014




Powered by Joomla!.